• Yoga con Luna

La felicità non è qualcosa che ci accade dall'esterno ma è una scelta

La natura dell'essere umano, per questioni di sopravvivenza, è quella di vedere il pericolo intorno a sé, di stare sempre all'erta e di vedere il negativo nelle cose per poter essere pronto ad affrontare ogni possibilità di evento avverso.


Questa tendenza ce la siamo portata dietro nella nostra evoluzione ed è per questo che ci risulta così facile crogiolarci nei pensieri negativi e nella tristezza piuttosto che nella gioia pura. Spesso la gioia pura è qualcosa collegata ad un emozione forte che dura qualche istante e poi svanisce. Al contrario, l'ansia, la paura o la tristezza sono delle energie di bassa frequenza che rimangono statiche a lungo e tendiamo a trascinarcele dietro nei giorni, nei mesi o addirittura negli anni. In alcuni casi diventa un vero e proprio stile di vita.


La società attuale vede le persone palesemente felici come qualcosa di strano o bizzarro: non è forse anomalo vedere qualcuno saltellare o fischiettare per la strada piuttosto che qualcun altro camminare curvo e col broncio? Quale dei due ci sembra più normale?


La felicità è una scelta di vita ed è un modo di essere. La felicità non è qualcosa che ti accade dall'esterno ma è un'abitudine e una vera e propria pratica. Perchè non può essere semplice sorridere e vivere con serenità? Non è forse questo lo scopo della nostra esistenza e quello che cerchiamo nelle cose di tutti i giorni?


Guardare il lato positivo della vita non significa vedere tutto rose e fiori ma riconoscere ciò che non va e ciò che ci fa stare male per poi trarre gli aspetti migliori anche da quella situazione, come una possibilità di crescita, di rafforzamento e di occasioni che altrimenti non sarebbero potute accadere senza di quell'evento.


Significa riconoscere che il buio non può esistere senza la luce e viceversa. Alla fine, il buio è solo una forma diversa di luce.


Namasté,


Luna



35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti